Mercoledì 27 Novembre 2013                     
HOME › CRONACHE
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Dopo il doppio ko nella prima frazione, gli statunitensi si rifanno sotto con una ripresa d'assalto e incamerano il punto della speranza.
18.06.2010 17:58 di Simone Fornoni articolo letto 1456 volte

LE FORMAZIONI A Johannesburg Matjaz Kek e Bob Bradley scelgono il conservatorismo integrale nel segno del 4-4-2. La Slovenia, rispetto al vittorioso esordio con l’Algeria, dà spazio in avanti a Ljubijankic al posto di Dedic; gli Stati Uniti, della formazione cha ha imposto il pari all’Inghilterra, rinunciano al solo Clark inserendo Torres. Gli slavi schierano l’udinese Handanovic in porta, Brecko, Suler e i clivensi Cesar e Jokic in difesa; Birsa, il goleador Korem, Radosavljevic e Kirm in mezzo al campo, con Novakovic e Ljubujankic a sfondare le linee nemiche. Gli Stars & Stripes replicano con Howard tra i pali, Cherundolo e Bocanegra fluidificanti a lato del muro DeMerit-Onyewu, la fantasia di Donovan che parte da sinistra con Michael Bradley (figlio del coach), Torres e Dempsey a completare il reparto, più il collaudato binomio di guastatori Findley-Altidore.

BIRSA IPNOTIZZA HOWARD – L’avvio scorre come un treno sovraccarico sui binari della noia, nonostante le scintille per il gomito di Dempsey finito dritto in faccia a Ljubijankic. E proprio l’impronunciabile centravanti, al 7’, prova senza successo a inquadrare la porta sul traversone di Birsa. L’esterno accentra progressivamente la propria azione, e dopo un duetto con Radosavljevic azzecca la stoccata del vantaggio: il tredici porta sfortuna ad Howard, che rimane immobile a osservare la traiettoria malefica del mancino sloveno. Gli americani abbozzano una reazione al lumicino, ma oltre al tiraccio ai dirigibili di Bradley al 18’ si vede poco: la verve di Donovan, ficcante ma ingabbiato dalle maglie strette della retroguardia di Kek, si perde nel deserto delle idee dei compagni.

STALLE E STRISCE: RADDOPPIO SLOVENO – Il countdown cronometrico verso la pausa di metà partita non registra sussulti di rilievo. La Slovenia bada a presidiare ogni zolla, lasciando talora il possesso palla ai piedi poco cattedratici degli yankee. L’unica minaccia è una punizione di Torres al 36’, ma l’attento Handanovic sventa a pugni serrati. E a tre giri di lancette dal quarantacinquesimo, sfruttando una ripartenza, la coppia di arieti della Slovenia confeziona il manicaretto del 2-0: è Ljubijankic, servito al bacio da Novakovic, a infilare sottomisura l’incolpevole estremo USA.

SECONDO ROUND: DONOVAN RIAPRE – Il colpo del ko appena subìto farebbe pensare a un pugile suonato, anche se strada facendo il presunto sparring partner si rianima. E’ il geometrico Cherundolo, dopo neanche duecento secondi, a pescare il jolly di un’apertura lungo la fascia destra per la scheggia Donovan, che evita il recupero di Cesar e s’incunea nell’area piccola scagliando una bomba sotto la traversa. L’aire statunitense verso la rimonta, nonostante una seconda frazione afferrata per le corna a velocità supersonica, è frustrato da un gioco spesso spezzettato da falli tattici, mentre le occasioni vere latitano. Al 70’, sugli sviluppi di un calcio piazzato da lui stesso conquistato, Altidore sbuca in mezzo alla terza linea avversaria, ma la sua girata è troppo centrale.

MIRACOLO BRADLEY: E’ IL PARI – Bradley senior innesta una terza punta (il carneade Gomez) al posto di Onyewu, ma a regalare l’insperata impresa in zona Cesarini è il figlio, che spinge in rete il suggerimento dell’onnipresente Altidore. Prima del triplice fischio c’è spazio per la polemica di giornata: Edu corregge in porta una punizione di Donovan, ma l’arbitro Coulibaly annulla inspiegabilmente. Il 2-2 non si schioda più: Slovenia sempre in testa al girone C, per gli USA speranze rimandate.

SLOVENIA – USA 2-2 (2-0)
SLOVENIA (4-4-2): Handanovic; Brecko, Suler, Cesar, Jokic; Birsa (42’ st Dedic), Koren, Radosavljevic, Kirm; Ljubijankic (29’ st Pecnik, 49' st Komac), Novakovic. All. Kek.
USA (4-4-2): Howard; Cherundolo, DeMerit, Onyewu (35’ st Gomez), Bocanegra; Donovan, M. Bradley, Torres (1’ st Edu), Dempsey; Findley (1’ st Feilhaber), Altidore. All. B. Bradley.
Arbitro: Coulibaly (Mali).
Reti: nel pt 13’ Birsa (S), 42’ Ljubijankic (S); nel st 4’ Donovan (U), 37’ st M. Bradley (U).
Note: ammoniti Cesar, Findley, Suler, Kirm, Jokic ; corner 2-4; recupero pt 2’, st 5’.


Altre notizie - Cronache
CRONACHE, 11.07 23:12 - Un gol di Iniesta al secondo supplementare regala la Coppa del Mondo alla Spagna, la prima della sua storia, due anni dopo la vittoria dell'Europeo. Furie Rosse in delirio, tanta delusione per un'Olanda fallosissima ma anche sciupona, soprattutto nella ripresa. LE FORMAZIONI - Del Bos...
CRONACHE, 10.07 22:34 - Tedeschi di bronzo, ma sudamericani sugli scudi. Partita entusiasmante, con Uruguay e Germania che si sono affrontate a viso aperto fino all'ultimo secondo. Termina tre a due: a segno Mueller, Cavani, Forlan, Jansen e Kheidira. LE FORMAZIONI - Loew lascia in panchina Miroslav Klose, dato ...
CRONACHE, 07.07 22:51 - LE FORMAZIONI - Due anni fa vinse la Spagna, era la finale degli Europei. Nei due precedenti mondiali, invece, la Germania non ha mai perso. Tra le fila tedesche pesa l'assenza di Thomas Muller. Lo sostituisce il centrocampista dell'Amburgo Trochowski, che vince il ballottaggio con Kroos,...
CRONACHE, 06.07 22:30 - L'Olanda approda in finale. La rete (meravigliosa) di Van Bronckhorst e quelle di Sneijder e Robben permettono agli oranje di avere la meglio su un Uruguay bravo a rientrare per due volte in partita grazie alle reti di Forlan e Pereira. E domani sera si conoscerà il nome della sfidante...
CRONACHE, 06.07 22:23 - FINE SECONDO TEMPO - Vola in finale Mondiale un'Olanda tecnicamente troppo superiore ad un Uruguay volenteroso, a tratti anche bello da vedere, ma inferiore agli oranje di Van Marwijk. Bella la reazione d'orogoglio uruguaiana al 91esimo, ma questa Olanda è di altro pianeta. Wesley ...

IL CALCIO TOGLIE, IL CALCIO DÀ: DA INIESTAZO ALLA COREA DEL SUD...

Il titolo dice già tutto. La Spagna arriva finalmente al primo alloro mondiale, dopo ottant'anni dalla prima edizione, e si conquista un posto tra le grandi della storia. Da Madrid a Barcellona le piazze erano in festa, com...
Italia-Danimarca 3-1

JOSÉ ALBERTI A TM: "ARGENTINA, IO L'AVEVO DETTO"

Clamorosa sconfitta per l'Argentina di Diego Armando Maradona, contro la Germania. La Seleccion perde 4-0 contro i tedeschi e torna a casa. Dopo la debacle degli uomini del Pibe de Oro, TuttoMondiali ha raccolto il parere del talent ...

L'ACUTO (IN) FINALE

Forse il personaggio del giorno è Andrés Iniesta, probabilmente: suo il gol decisivo, scelta facile. Forse, altrimenti, si può parlare di Arijen Robben, ma l'ho già fatto e non mi piace ripetermi. Bisogna ...
Classifica marcatori
David Villa 5 Spagna
Diego Forlan 5 Uruguay
Thomas Mueller 5 Germania
Wesley Sneijder 5 Olanda
Gonzalo Higuain 4 Argentina
Miroslav Klose 4 Germania
Robert Vittek 4 Slovacchia
Asamoah Gyan 3 Ghana
Landon Donovan 3 Stati Uniti
Luis Fabiano 3 Brasile