Mercoledì 27 Novembre 2013                     
HOME › CRONACHE
© foto di Soenar Chamid
Dominio verdeoro nei primi 45 minuti, ma a fine primo tempo è solo 1-0. Poi nella ripresa, dopo il casuale pareggio dovuto alla sfortunata deviazione di Felipe Melo, esce fuori l'Olanda che spedisce a casa Dunga e i suoi ragazzi
02.07.2010 18:04 di Raimondo De Magistris articolo letto 1408 volte

LE FORMAZIONI – Con Elano infortunato e Ramires squalificato Dunga lancia per la seconda volta dal primo minuto Dani Alves. A centrocampo torna Felipe Melo; il centrocampista della Juventus ha recuperato dai problemi alla caviglia sinistra. Tutto confermato in attacco con Kakà alle spalle di Robinho e Luis Fabiano.

Olanda in campo col suo classico 4-2-3-1. In campo Robben e Sneijder che formano insieme a Kuyt la linea dei trequartisti alle spalle di van Persie. De Jong-Van Bommel la diga di centrocampo, mentre in difesa – davanti a Stekelenburg – spazio a van der Wiel, Heitinga, Ooijer e van Bronckhorst.

DOMINIO VERDEORO - Dodici anni dopo l'incontro in semifinale mondiale che sancì l'eliminazione dell'Olanda dall'atto finale di Francia '98 solo dopo i calci di rigore, Olanda e Brasile tornano ad affrontarsi in una gara ufficiale e lo fanno dando vita a una sfida tra squadre che hanno mostrato enorme solidità finora. Il Brasile parte meglio: gli <i>oranje</i> sono troppo guardinghi e i ragazzi di Dunga provano a sorprendere la difesa con passaggi in profondità. Dopo 8' i verdeoro trovano già la via del gol: Robinho ribadisce in rete un assist di Dani Alves, ma il guardalinee giustamente annulla per la posizione di fuorigioco dell'esterno azulgrana. E' il preludio del gol che arriverà due minuti dopo: uscita sconsiderata dalla linea dei difensori di Heitinga, Felipe Melo lo vede e con un magistrale passaggio in profondità permette a Robinho di trovarsi a tu per tu con Stekelenburg e spedire il pallone in fondo al sacco, 1-0. La riposta olandese è affidata a Kuyt, ma il Brasile nei minuti successivi il Brasile sfiora ripetutamente il raddoppio: Juan di testa da ottima posizione non centra la porta, poi Kakà alla mezz'ora trova sulla sua strada un grande Stekelenburg che gli nega la gioia del gol. Nel finale di frazione è ancora è ancora il portiere dell'Ajax a salire in cattedra: sulla fucilata di Maicon è bravo a deviare in angolo.

PAREGGIO INASPETTATO – Un'Olanda insufficiente nella prima frazione deve assolutamente alzare il tiro se vuole trovare il pareggio. Il leitmotiv della partita non sembra cambiare, ma dopo otto minuti ecco l'episodio che svolta il match: sul cross di Sneijder il colpo di testa di Felipe Melo mette fuorigioco Julio Cesar e permette agli <i>oranje</i> di trovare un inaspettato pareggio, 1-1. Il Brasile accusa il colpo: la qualità del gioco arancione sale notevolmente, ma sono ancora i ragazzi di Dunga a essere i più pericolosi: il tiro di Dani Alves dal limite dell'area esce di poco, poi Kakà ci prova col piatto destro, ma la sua conclusione sfiora il palo alla sinistra di Stekelenburg.

RADDOPPIO ORANJE, BRASILE ALLO SBANDO... - Al minuto 68 ecco il gol del vantaggio olandese: angolo dalla destra di Robben spizzata di Kuyt e colpo di testa vincente di Sneijder, 2-1. Il Brasile è frastornato, in particolare Felipe Melo che perde completamente la testa e colpisce Robben con un pestone gratuito: l'arbitro, giustamente, lo manda sotto la doccia. Nel finale tanta confusione ma poca sostanza: il Brasile prova a rendersi pericoloso da calcio d'angolo, l'Olanda non sfrutta le praterie a sua disposizione. Dunga pensa bene di togliere Luis Fabiano, migliore terminale offensivo della squadra, per mettere in campo Nilmar. L'Olanda però si difende abbastanza agevolmente e dopo dodici anni torna a disputare un semifinale mondiale.

TRIPLICE FISCHIO - Esce di scena un Brasile super-favorito alla vigilia di questo match per il successo finale. Passa l'Olanda che ha saputo sfruttare al meglio il casuale gol del pareggio e ha ribaltato la gara affidandosi a Sneijder e Robben, due assoluti fuoriclasse che stanno confermando anche in Coppa del Mondo di essere in una stagione di grazia. In vista della semifinale (Spagna o Paraguay) da rivedere la difesa, soprattutto perché un po' più avanti mancherà De Jong per squalifica, giocatore che finora s'è rivelato assolutamente fondamentale nello scacchiere di van Marwijk. Faranno discutere non poco le scelte di Carlos Dunga: il ritorno in campo di Felipe Melo e l'inspiegabile sostituzione di Luis Fabiano hanno determinato in negativo gli sviluppi del match verdeoro. Kakà non pervenuto in Sudafrica.


Altre notizie - Cronache
CRONACHE, 11.07 23:12 - Un gol di Iniesta al secondo supplementare regala la Coppa del Mondo alla Spagna, la prima della sua storia, due anni dopo la vittoria dell'Europeo. Furie Rosse in delirio, tanta delusione per un'Olanda fallosissima ma anche sciupona, soprattutto nella ripresa. LE FORMAZIONI - Del Bos...
CRONACHE, 10.07 22:34 - Tedeschi di bronzo, ma sudamericani sugli scudi. Partita entusiasmante, con Uruguay e Germania che si sono affrontate a viso aperto fino all'ultimo secondo. Termina tre a due: a segno Mueller, Cavani, Forlan, Jansen e Kheidira. LE FORMAZIONI - Loew lascia in panchina Miroslav Klose, dato ...
CRONACHE, 07.07 22:51 - LE FORMAZIONI - Due anni fa vinse la Spagna, era la finale degli Europei. Nei due precedenti mondiali, invece, la Germania non ha mai perso. Tra le fila tedesche pesa l'assenza di Thomas Muller. Lo sostituisce il centrocampista dell'Amburgo Trochowski, che vince il ballottaggio con Kroos,...
CRONACHE, 06.07 22:30 - L'Olanda approda in finale. La rete (meravigliosa) di Van Bronckhorst e quelle di Sneijder e Robben permettono agli oranje di avere la meglio su un Uruguay bravo a rientrare per due volte in partita grazie alle reti di Forlan e Pereira. E domani sera si conoscerà il nome della sfidante...
CRONACHE, 06.07 22:23 - FINE SECONDO TEMPO - Vola in finale Mondiale un'Olanda tecnicamente troppo superiore ad un Uruguay volenteroso, a tratti anche bello da vedere, ma inferiore agli oranje di Van Marwijk. Bella la reazione d'orogoglio uruguaiana al 91esimo, ma questa Olanda è di altro pianeta. Wesley ...

IL CALCIO TOGLIE, IL CALCIO DÀ: DA INIESTAZO ALLA COREA DEL SUD...

Il titolo dice già tutto. La Spagna arriva finalmente al primo alloro mondiale, dopo ottant'anni dalla prima edizione, e si conquista un posto tra le grandi della storia. Da Madrid a Barcellona le piazze erano in festa, com...
Italia-Danimarca 3-1

JOSÉ ALBERTI A TM: "ARGENTINA, IO L'AVEVO DETTO"

Clamorosa sconfitta per l'Argentina di Diego Armando Maradona, contro la Germania. La Seleccion perde 4-0 contro i tedeschi e torna a casa. Dopo la debacle degli uomini del Pibe de Oro, TuttoMondiali ha raccolto il parere del talent ...

L'ACUTO (IN) FINALE

Forse il personaggio del giorno è Andrés Iniesta, probabilmente: suo il gol decisivo, scelta facile. Forse, altrimenti, si può parlare di Arijen Robben, ma l'ho già fatto e non mi piace ripetermi. Bisogna ...
Classifica marcatori
David Villa 5 Spagna
Diego Forlan 5 Uruguay
Thomas Mueller 5 Germania
Wesley Sneijder 5 Olanda
Gonzalo Higuain 4 Argentina
Miroslav Klose 4 Germania
Robert Vittek 4 Slovacchia
Asamoah Gyan 3 Ghana
Landon Donovan 3 Stati Uniti
Luis Fabiano 3 Brasile