Mercoledì 27 Novembre 2013                     
HOME › CRONACHE
© foto di imago sportfotodienst
I chicanos giocano un calcio divertente fino al vantaggio in chiusura di primo tempo del centravanti celeste. Tabarez blinda la difesa e resiste all'assalto verde
22.06.2010 18:10 di Simone Fornoni articolo letto 1747 volte

LE FORMAZIONI 4-3-3 speculari per Javier Aguirre e Oscar Tabarez: a sfornare l’annunciato “biscotto”, diranno le malelingue, ci pensano già i moduli. Eppure entrambi gli strateghi piazzano la merce migliore, senza risparmiare i rispettivi big, eccettuati forse Barrera ed Hernardez. Per i verdi il piccolo Oscar Perez in porta e difesa a quattro con Osorio-Moreno-Rodriguez-Salcido, l’interdittore Torrado schierato in mezzo con il capitano tuttofare Marquez e il fantasioso Guardado, trazione anteriore a base di Dos Santos-Franco-Blanco. Dal canto suo, la Celeste replica con un Forlan spesso impegnato nelle vesti di rifinitore, ma di fatto puntero aggiunto a Cavani e Suarez; filtro di centrocampo con Diego Perez, Arevalo e Alvaro Pereira, e a protezione di Muslera il quartetto d’archi Maxi Pereira-Lugano-Victorino-Fucile.

E’ PARTITA VERA - L’avvio di match, alla faccia delle facili malignità della vigilia, ha ritmi da giro di qualifica di formula uno. Al sesto, dopo vari rovesciamenti di fronte senza esiti apprezzabili, il primo pericolo è di marca uruguagia: Luis Suarez, dopo un pasticcio della coppia centrale chicana, si trova a tu per tu con il portiere ma riesce a sbagliare un gol fatto allargando troppo il diagonale. Sessanta secondi e piove sull’assolato pomeriggio di Rustenburg il primo giallo: Lugano sembra affossare Blanco, servito in piena area da Dos Santos, ma Kassai s’ingoia il fischietto. Le due compagini, latine fino in fondo, danno vita a un confronto a viso aperto, seppur con rare occasioni. Al 18’ è il palermitano Cavani a fallire l’obiettivo con un’incornata fuori misura, nonostante il corner pennellatogli sulla fronte da Forlan.

SU UN MESSICO SPLENDIDO LA NUVOLA SUAREZ: 0-1 - Al 22’ Guardado provoca un infarto ai tifosi avversari colpendo la faccia inferiore della traversa con un missile mancino da fuori area, ma Forlan e i suoi non stanno certo a guardare: è la stessa Bruja, nelle vesti di rifinitore, a impegnare Perez con un cross tagliato sotto porta. A mantenere un marcato predominio della manovra sono i centroamericani, che tengono palla (60% contro 40%) impegnando severamente la retroguardia di Tabarez, dove lo spigoloso Lugano non va tanto per il sottile. Il maggior tasso tecnico dei giocatori in celeste, però, ha la meglio in finale di tempo: basta una disattenzione, ed ecco che Suarez, colpevolmente lasciato libero sul secondo palo, corregge in rete un traversone dalla destra di Cavani.

LA BARRERA MESSICANA – Aguirre, nel tentativo di raddrizzare un risultato immeritato, nel secondo tempo cala l’asso Barrera sacrificando Guardado. La punizione centrale di Blanco dopo soli due minuti non ha il potere di accendere la miccia, perché l’Uruguay tira sapientemente il freno arroccandosi dietro e affidandosi alle ripartenze. E quando esce dal guscio, sono dolori: il sempre più decentrato Forlan dipinge traiettorie perfette, e su una di esse la testatona di Lugano (9’) chiama Perez al balzo miracoloso. Le opportunità non mancano al Messico, arrestandosi però sull’ombrello dell’imprecisione: al 19’ il nuovo entrato mostra di che pasta è fatto servendo sulla testa di Rodriguez un vassoio di platino, sprecato malamente dall’impatto assassino con la tempia sinistra del rude difensore. L’ingresso di Hernandez non porta frutti, l’ultimo balzo di Franco – che si allunga il pallone sul lancio di Salcido - nemmeno: l’Uurguay vince il girone A, per il Messico agli ottavi si materializza lo spettro dell’Argentina.

MESSICO – URUGUAY 0-1 (0-1)


MESSICO (4-3-3): O. Perez; Osorio, Rodriguez, Moreno (12’ st Castro), Salcido; Marquez, Guardado (1’ st Barrera), Torrado; Dos Santos, Blanco (18’ st Hernandez), Franco. All. Aguirre.
URUGUAY (4-3-3): Muslera; M. Pereira, Lugano, Victorino, Fucile; D. Perez, Arevalo, A. Pereira (32’ st Scotti); Cavani, Suarez (40’ st Fernandez), Forlan. All. Tabarez.
Arbitro: Kassai (Ungheria).
Reti: nel pt 43’ Suarez.
Note: ammoniti Fucile, Hernandez, Castro; corner 6-7; recupero pt 1’, st 4’.


Altre notizie - Cronache
CRONACHE, 11.07 23:12 - Un gol di Iniesta al secondo supplementare regala la Coppa del Mondo alla Spagna, la prima della sua storia, due anni dopo la vittoria dell'Europeo. Furie Rosse in delirio, tanta delusione per un'Olanda fallosissima ma anche sciupona, soprattutto nella ripresa. LE FORMAZIONI - Del Bos...
CRONACHE, 10.07 22:34 - Tedeschi di bronzo, ma sudamericani sugli scudi. Partita entusiasmante, con Uruguay e Germania che si sono affrontate a viso aperto fino all'ultimo secondo. Termina tre a due: a segno Mueller, Cavani, Forlan, Jansen e Kheidira. LE FORMAZIONI - Loew lascia in panchina Miroslav Klose, dato ...
CRONACHE, 07.07 22:51 - LE FORMAZIONI - Due anni fa vinse la Spagna, era la finale degli Europei. Nei due precedenti mondiali, invece, la Germania non ha mai perso. Tra le fila tedesche pesa l'assenza di Thomas Muller. Lo sostituisce il centrocampista dell'Amburgo Trochowski, che vince il ballottaggio con Kroos,...
CRONACHE, 06.07 22:30 - L'Olanda approda in finale. La rete (meravigliosa) di Van Bronckhorst e quelle di Sneijder e Robben permettono agli oranje di avere la meglio su un Uruguay bravo a rientrare per due volte in partita grazie alle reti di Forlan e Pereira. E domani sera si conoscerà il nome della sfidante...
CRONACHE, 06.07 22:23 - FINE SECONDO TEMPO - Vola in finale Mondiale un'Olanda tecnicamente troppo superiore ad un Uruguay volenteroso, a tratti anche bello da vedere, ma inferiore agli oranje di Van Marwijk. Bella la reazione d'orogoglio uruguaiana al 91esimo, ma questa Olanda è di altro pianeta. Wesley ...

IL CALCIO TOGLIE, IL CALCIO DÀ: DA INIESTAZO ALLA COREA DEL SUD...

Il titolo dice già tutto. La Spagna arriva finalmente al primo alloro mondiale, dopo ottant'anni dalla prima edizione, e si conquista un posto tra le grandi della storia. Da Madrid a Barcellona le piazze erano in festa, com...
Italia-Danimarca 3-1

JOSÉ ALBERTI A TM: "ARGENTINA, IO L'AVEVO DETTO"

Clamorosa sconfitta per l'Argentina di Diego Armando Maradona, contro la Germania. La Seleccion perde 4-0 contro i tedeschi e torna a casa. Dopo la debacle degli uomini del Pibe de Oro, TuttoMondiali ha raccolto il parere del talent ...

L'ACUTO (IN) FINALE

Forse il personaggio del giorno è Andrés Iniesta, probabilmente: suo il gol decisivo, scelta facile. Forse, altrimenti, si può parlare di Arijen Robben, ma l'ho già fatto e non mi piace ripetermi. Bisogna ...
Classifica marcatori
David Villa 5 Spagna
Diego Forlan 5 Uruguay
Thomas Mueller 5 Germania
Wesley Sneijder 5 Olanda
Gonzalo Higuain 4 Argentina
Miroslav Klose 4 Germania
Robert Vittek 4 Slovacchia
Asamoah Gyan 3 Ghana
Landon Donovan 3 Stati Uniti
Luis Fabiano 3 Brasile