Mercoledì 27 Novembre 2013                     
HOME › RASSEGNA STAMPA
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
07.07.2010 22:51 di Alessio Milone articolo letto 2753 volte
Fonte: Gaetano Allegra per MondoPallone.Net

Ovvero: la sfida fra nazionali già entrambe certe di aver vinto il Mondiale. Un popolo di sboroni che ci odiano contro un altro popolo di sboroni che ci odiano: per noi Italiani una partita neutra in ogni caso. Decidere un pronostico quando vorremmo vederle fuori entrambe è come finire nella padella o sulla brace. Nella foto, invece, ecco qualcuno che ha scelto a polpo sicuro, e che – visto cosa ha scelto – domattina finirà di certo su un barbecue.

0′ – Inni nazionali, con tanto di novità. Miro Klose per la prima volta canta timidamente l’inno, anche se più o meno come chi in chiesa fa finta di sapere le parole.

0′ – Nella Spagna addirittura Pedro al posto dell’inutile Torres. Loew invece sostituisce Thomas Muller con l’esterno Trochowski, l’ennesimo polacco di questa scandalosa accozzaglia multietnica che per comodità d’ora in poi chiameremo Prussia.

4′ – Ravviva la gara un invasore solitario che aggira le invalicabili difese sudafricane costituite da un muretto ricoperto da briciole aguzze di pan carré raffermo. Gli agenti FIFA lo placcano e secondo regolamento lo sacrificheranno al dio Baal per ingraziarsi il volere di Platini.

7′ – Prima occasione della partita con Villa lanciato un po’ lungo da Pedrito. Il neoacquisto del Barça tenta la puntata ma viene arrotato sulle strisce pedonali da Neuer.

11′ – Dopo 10 minuti è già chiaro che mettere Boateng ad arginare Villa e Sergio Ramos è un po’ come cercare di difendersi da una muta di rottweiler intonando una canzone di Bocelli.

15′ – La Prussia batte un doppio calcio d’angolo mentre Bagni dichiara inspiegabilmente che la Spagna ha ormai la partita in pugno.

20′ – Gli Spagnoli vivacchiano palla al piede, dandosi ai tocchetti inutili che storicamente hanno sempre permesso alla Spagna di non vincere mai nulla, nonostante abbia sempre avuto squadroni pazzeschi. I Tedeschi rispondono schierandosi in 10 sulla linea di porta, con il solo Klose avanzatissimo più o meno all’altezza del dischetto del rigore.

23′ – “Non giocheremo in contropiede come l’Italia nel 2006″, ha dichiarato sprezzante Loew prima della partita. Forse intendeva dire: perderemo e basta.

27′ – Sergio Ramos ordina una caviglia d’asporto al Podolski Food e se la pappa baldanzoso davanti all’arbitro.

30′ – Piqué si copre di ridicolo sbagliando clamorosamente un facile passaggio rasoterra. “Ma lui tocca bene soprattutto le palle alte”, dichiara un po’ piccato Ibrahimovic, consegnandosi alle battutine maliziose della stampa spagnola.

32′ – Prussia vicina al gol con il destro violento di Trochowski, messo in corner da Casillas. Ma tutto il mondo si chiede cosa diavolo ci facesse Trochowski in quella metà campo lì.

37′ – Fuorigioco di Podolski, ravvisato correttamente dal guardalinee. I maxischermi dello stadio hanno finora mostrato tutti i replay, ma è anche vero che fino a questo momento gli abritri hanno casualmente azzeccato tutto quanto. Al primo errore verrà subito messa in onda la finale del torneo di birra e salsicce a squadre.

41′ – E dire che la finale del torneo di birra e salsicce a squadre sarebbe in realtà molto più emozionante di questa partita…

42′ – Anche guardare i tappezzieri che mettono la moquette è più emozionante.

46′ – Nei venti secondi finali le due squadre ci regalano tutto il divertimento erogato nella prima frazione. Oezil lanciato a rete si accartoccia da solo come un onisco quando cerchi di schiacciarlo sul pavimento; sul ribaltamento di fronte la Spagna spedisce il Pedro I dritto sull’addome di Neuer.

Intervallo – Prima della partita i giornali tedeschi dichiaravano, supponenti: “Noi fiesta, voi siesta”. Ma forse intendevano le merendine…

46′ – Ricomincia Prussia-Spagna. Non ci sono stati cambi: prepariamoci a vivere altri tre quarti d’ora di agonia, con un occhio luccicante e speranzoso alla finale del torneo di birra e salsicce a squadre.

48′ – Slalom gigante di Pedro che dribbla simultaneamente tre simildifensori pseudotedeschi, otto mine anticarro, due talpe e il cadavere di un calippo fizz del ‘96. Ma Xabi Alonso non inquadra la porta.

49′ – Si muove qualcosa sulla panchina tedesca.

49′ – Niente, era un ragnetto. Prontamente schiacciato da Loew.

50′ – Xabi Alonso ancora alla conclusione col destro. Sta prendendo le misure e seguendone i progressi in un ipotetico diagramma di Venn possiamo tranquillamente pronosticare un gol della Spagna a cavallo fra il 617esimo e il 618esimo minuto.

55′ – David Villa tenta la conclusione a giro col destro, fuori di un metro. Ma se i Tedeschi arretrano ancora disputeranno i supplementari in Namibia.

58′ – Superpinball in area della Prussia. Capdevila, Iniesta e Pedro arrivano da tutte le parti, Villa anche da più parti simultaneamente.

60′ – Tenta un timido break la Prussia: svirgola Puyol e Klose spedisce fuori in acrobazia.

60′ – Ehi, è vero! C’è Klose in campo!

62′ – Secondo Civoli i Tedeschi si difendono in maniera armonica. Forse è per questo che sembrano un po’ suonati…

63′ – Podolski si vendica e azzanna Sergio Ramos affondandogli le gengive nella carotide in area di rigore. Ma il regolamento FIFA non prevede testualmente il penalty in caso di vampirismi, quindi l’arbitro non può che convalidare l’azione di gioco.

68′ – Mentre sui dorsi delle mani di Sergio Ramos cominciano a crescere inquietanti pelazzi neri, ricordiamo che la Prussia ha sostituito il ghanese Boateng con Marcell Jansen e il polacco Trochowski con Toni Kroos.

69′ – Proprio Kroos svezza i guantoni di Casillas mettendo a segno così la prima vera sortita dei giocatori teutonici dalle parti della porta spagnola.

70′ – Piqué anticipa bene Mertesacker in area iberica. Il commento di Bagni va riportato così com’è: “L’altezza di Piqué fa la differenza, anche se Mertesacker è alto come lui”.

73′ – Brian May Puyol salta come un esercito di felini e incorna a rete portando la Spagna in vantaggio! Riportiamo testualmente il labiale di Schweinsteiger (non ci inventiamo niente!): “Fuck off de puta madre!”. La multietnia di questa Germania si riconosce anche dalle piccole cose…

77′ – Ora Loew dovrà cambiare modulo e inserire degli attaccanti. O quantomeno dei centrocampisti.

81′ – Per la Prussia va fuori il tunisino Khedira, dentro lo spagnolo doppiogiochista Mario Gomez. Per la Spagna Del Bosque tenta la minchiata a meno di dieci minuti dalla fine: toglie Villa per Torres tenendosi Pedro che dopo pochi secondi lo ripaga sbagliando a tu per tu con Neuer un gol che uno Iaquinta qualsiasi segnerebbe dieci volte su dieci.

85′ – Orgia di botte in area di rigore spagnola, ma l’arbitro è chiaramente in coma etilico. Intanto Del Bosque rimedia al proprio errore e toglie l’inguardabile Pedro. Al suo posto, con l’ingresso del brasiliano Silva, la Spagna vuole dimostrare che gli intrusi volendo ce li hanno anche loro.

90′ – Se gli Spagnoli fossero anche solo blandamente preparati nell’arte del contropiede saremmo già 7-0. Viceversa se i ragazzi di Loew fossero capaci di imbastire una manovra decente contro una difesa schierata, con un recupero di una quarantina di minuti e due o tre rigori inventati potrebbero perfino pareggiare.

94′- Termina qui la semifinale tra Spagna e Prussia. La spuntano le Furie Rosse, che affronteranno l’Olanda nella finale, assicurandoci così che questa Coppa del Mondo verrà vinta da una nazionale che finora ha sempre fatto regolarmente cagare in ogni edizione del Mondiale. E mentre Sergio Ramos rincorre una vergine urlandole: “Non fcappare! Fono innocuo!”, il nostro pensiero va al povero Polpo Paul, che eroicamente ha scelto la bandiera giusta e per questo motivo verrà giustiziato.


Altre notizie - Rassegna stampa
RASSEGNA STAMPA, 11.07 23:41 - Ovvero: riusciranno i pronipoti di Don Chisciotte della Mancia (l’eroe letterario preferito di fattorini e camerieri) ad aver finalmente ragione dei Mulini a Vento? Ma soprattutto riuscirà una di queste due squadre a vincere finalmente la Coppa del Mondo? 0′ – Sembre...
RASSEGNA STAMPA, 03.07 21:38 - Ovvero: la sfida infinita fra popoli dal look un tantino diverso… 0′ - Breve parentesi prima degli inni nazionali, con i due capitani che leggono poche righe contro il razzismo. Certo, visti i trascorsi vagamente nazisti di entrambe le nazioni, la cosa può inquietare un t...
RASSEGNA STAMPA, 30.06 19:41 - Eccole le magnifiche otto di questo Mondiale: Uruguay, Ghana, Olanda, Brasile, Germania, Argentina, Paraguay e Spagna. Come già detto nei giorni scorsi, mancano le finaliste del 2006, ma senza paura di essere smentito posso dire che non mancheranno a nessuno, visto il livello di gioco espr...
RASSEGNA STAMPA, 29.06 23:04 - Ovvero: paesi senza poeti, con pochi santi, ma con moltissimi navigatori che hanno provato per decenni a doppiare il Capo di Buona Speranza fallendo spesso nell’impresa. Oggi si affrontano, per la prima volta ai mondiali, proprio a Città del Capo, ma potevano giocarla direttamente al...
RASSEGNA STAMPA, 26.06 23:30 - Ovvero: un popolo di gente semplice contro un popolo di sboroni. Per accorgersene, basta confrontare le bandiere. Da una parte: tre colori, una stella. Dall’altra parte sempre tre colori, ma di stelle ce ne hanno ficcate addirittura 50. 1′- Comincia USA-Ghana. Gli States rinuncia...

IL CALCIO TOGLIE, IL CALCIO DÀ: DA INIESTAZO ALLA COREA DEL SUD...

Il titolo dice già tutto. La Spagna arriva finalmente al primo alloro mondiale, dopo ottant'anni dalla prima edizione, e si conquista un posto tra le grandi della storia. Da Madrid a Barcellona le piazze erano in festa, com...
Italia-Danimarca 3-1

JOSÉ ALBERTI A TM: "ARGENTINA, IO L'AVEVO DETTO"

Clamorosa sconfitta per l'Argentina di Diego Armando Maradona, contro la Germania. La Seleccion perde 4-0 contro i tedeschi e torna a casa. Dopo la debacle degli uomini del Pibe de Oro, TuttoMondiali ha raccolto il parere del talent ...

L'ACUTO (IN) FINALE

Forse il personaggio del giorno è Andrés Iniesta, probabilmente: suo il gol decisivo, scelta facile. Forse, altrimenti, si può parlare di Arijen Robben, ma l'ho già fatto e non mi piace ripetermi. Bisogna ...
Classifica marcatori
David Villa 5 Spagna
Diego Forlan 5 Uruguay
Thomas Mueller 5 Germania
Wesley Sneijder 5 Olanda
Gonzalo Higuain 4 Argentina
Miroslav Klose 4 Germania
Robert Vittek 4 Slovacchia
Asamoah Gyan 3 Ghana
Landon Donovan 3 Stati Uniti
Luis Fabiano 3 Brasile